Il Modello di relazione a dieci emozioni, pensato nel 1998 con la collaborazione dell’ingegnere informatico Simone Corelli, è un sistema a dieci emozioni (Paura, Angoscia, Collera, Agitazione, Tristezza, Calma, Stupore, Piacere, Eccitazione, Gioia) costruito misurando l’attivazione emozionale di ognuno dei centocinquantaquattro stimoli acustici, suddivisi nei gruppi Mar1, Ter1, Ter2, Ter3, Rm1 e appartenenti all’esperimento A composto da rumori naturali, artificiali, umani, animali. Per ogni stimolo è stata osservata la distribuzione delle preferenze emozionali e trovata quella più attivata usando la differenza di voti tra essa e ognuna delle altre nove emozioni come indicatore della distanza tra esse. La somma di informazioni accumulata per ogni stimolo acustico permette di ipotizzare uno spazio dove collocare le dieci emozioni secondo le distanze dal valore 1 (massima vicinanza emozionale) al valore 9 (massima lontananza emozionale). Il valore di distanza tra le emozioni coinvolte deriva dalla correlazione tra le reazioni agli stimoli: se uno stimolo suscita fortemente sia l’Angoscia che la Paura, possiamo dedurre, mediando sui centocinquantaquattro stimoli utilizzati e su cinquanta individui testati, che sono due emozioni simili, quindi vicine. Insomma, la differenza, normalizzata, di voti ricevuti da un’emozione per ogni stimolo rispetto all’emozione più votata per quello stimolo, è in qualche modo misura della loro lontananza, e mediando sui vari casi si ottiene la misura della distanza tra le due emozioni. Il tutto si ripete per definire la distanza tra tutte le coppie possibili di emozioni. In altre parole, se su di una mappa geografica lancio un oggetto e colpisco l’Italia e la Svizzera, deduco che sono nazioni vicine. Nel mio caso gli oggetti sono gli stimoli acustici e le nazioni sono le emozioni. Il paradosso secondo cui, leggendo il Modello di relazione a dieci emozioni e percorrendo le distanze emozionali secondo i valori numerici da 1 a 9, si nota che l’emozione più vicina alla Gioia sarebbe il Piacere, ma la più vicina al Piacere è la Calma, è apparente, e può essere spiegato nel seguente modo: se considero Roma, Milano e Como, la città più vicina a Roma è Milano, ma la più vicina a Milano non è più Roma ma Como.

Modello di relazione a 10 emozioni, 1998