EMOZIONI DELLE IMMAGINI 2006 - 2010

Con l’esperimento Immagini da associare a quindici parametri estetico emozionali, iniziato nel 2006, si apre un’ulteriore fase della ricerca, il cui linguaggio, sconfinante nel figurativo, dà corpo e forma ai parametri emozionali finora studiati. Per ognuno dei parametri sono stati trovati, con i precedenti esperimenti, i rumori e i colori maggiormente significativi e, attraverso lo studio dello spettro acustico, anche informazioni sui valori di ampiezza e frequenza nel tempo utili alla costruzione di algoritmi per ottenere l’eseguibilità strumentale delle emozioni. L’introduzione di questi elementi visivi conduce ad una maggiore complessità delle Mappe emozionali (figg.101,108,109) per generare sviluppi relazionali di processi visivi e multimediali, tra suono, immagine e colore.

Ho svolto l’esperimento con un campione studenti di differenti culture a cui è stato chiesto di rispondere alle seguenti istruzioni: “Seleziona una o più immagini che secondo te sono maggiormente significative rispetto ai seguenti parametri emozionali: Paura, Angoscia, Agitazione, Collera, Tristezza, Stupore, Eccitazione, Piacere, Gioia, Calma. Seleziona una o più immagini che secondo te sono maggiormente significative rispetto ai seguenti parametri estetici: Bello e Brutto. Seleziona una o più immagini che secondo te sono maggiormente significative rispetto ai seguenti parametri percettivi e interpretativi: Enigmaticità e Univocità. Seleziona una o più immagini che secondo te sono maggiormente significative rispetto alla massima attivazione emozionale ed estetica: Profondità. Le immagini possono essere realizzate appositamente con i propri mezzi oppure prelevate da materiale preesistente (fotografie, fotogrammi estratti da film e video, immagini selezionate dal Web ed eventualmente essere modificate con programmi di elaborazione delle immagini.

Opere

© 2019 LER noise aesthetic laboratory